ART CITY Segnala 2020

Due le installazioni site-specific che il Museo Ebraico ospita in occasione di ART CITY Segnala 2020, il programma di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere in occasione di Arte Fiera. "CARIATIDI" di Luca Freschi e "POSTCARD from EXODUS" di Fabio Giampietro, 24 gennaio - 8 marzo 2020. Inaugurazione sabato 25 gennaio 2020, ore 21.00. Orari durante il weekend di ART CITY Segnala: venerdì 24 gennaio ore 10.00-16.00, sabato 25 gennaio ore 18.00-24.00, domenica 26 gennaio ore 10.00-18.00. Negli altri giorni le opere saranno visibili nei consueti orari di apertura del museo. Ingresso libero.

Luca Freschi, Cariatide 03 (Civetta), 2019, terracotta ceramica e legno, cm 44x44x390.jpg

LUCA FRESCHI
Cariatidi

a cura di Niccolò Bonechi
in collaborazione con
Galleria Bonioni Arte - Reggio Emilia

Le Cariatidi di Luca Freschi, sculture monumentali composte da elementi in terracotta ceramica dipinta ed objet trouvè, si inseriscono nel percorso museale, quasi confondendosi con gli oggetti, le riproduzioni, i video e i documentari che appartengono alla sezione permanente.

Osservando le Cariatidi, lo sguardo corre sino al culmine dell’opera, attraverso un’ascensione metaforica generata dalla reale sovrapposizione di elementi dal forte valore simbolico, tra ready made e scultura: il vaso come contenitore di esperienze, le colonne antiche come fondamenta delle diverse culture, le statue classiche come rappresentazione della bellezza e della perfezione, la civetta come simbolo della conoscenza con riferimenti alla vanitas e alla tematica del memento mori.

«Le Cariatidi – spiega il curatore – non sono altro che un organico ed equilibrato gioco di incastri, reminiscenze personali e culturali che si sovrappongono, lasciando allo spettatore una libera interpretazione, o per meglio dire, la possibilità di ritrovarsi dentro le proprie esperienze, paure, emozioni. Caposaldo della ricerca di Luca Freschi è il concetto di memoria, che si materializza nelle sue opere attraverso l’accumulo di oggetti che fanno parte della memoria storica collettiva e, scendendo nel particolare, nel vissuto di ognuno di noi. Ecco che l’installazione Cariatidi, presentata a ridosso del Giorno della Memoria (27 gennaio), si identifica come simulacro, come contenitore emotivo, in cui si rifugiano i ricordi di tutti e la speranza che niente di ciò che è accaduto si ripeta in futuro».


giampietro.jpg

FABIO GIAMPIETRO
Postcard from Exodus
Un viaggio tra pittura e realtà virtuale
a cura di Margherita Fontanesi
in collaborazione con
Galleria de’ Bonis - Reggio Emilia
L’autore Fabio Giampietro realizza per il Museo Ebraico di Bologna un’opera site-specific fra pittura e realtà virtuale. Si tratta di un’installazione che ha come protagonista un dipinto, collocato all’interno della sala del Memoriale del Museo, che racconta delle navi in partenza verso l’attuale Israele sullo sfondo di un’Europa distrutta dalla II Guerra Mondiale.
In particolare il progetto è ispirato alla vicenda della nave Exodus che nel 1947, grazie anche all’organizzazione ebraica Haganah, tentò di portare illegalmente gli ebrei sopravvissuti alla Shoah verso l’allora Palestina Britannica che sarebbe diventata lo Stato di Israele.
Partendo da una suggestione dell’’ennesimo viaggio del popolo ebraico in fuga dai suoi persecutori, questa volta in direzione della Terra promessa, Giampietro conduce lo spettatore ad una riflessione su tutti gli spostamenti dei popoli.
Si può guardare l’opera a occhio nudo, ma, indossando un visore per la realtà virtuale, è possibile entrare anche direttamente nel dipinto vivendolo dall’interno in modo esperienziale e immersivo.
Una composizione audio a cura di Alessandro Branca permette di sentire voci e rumori di persone in fuga e di calarsi così ancora di più nella storia.

Museo Ebraico di Bologna
24 gennaio – 8 marzo 2020

Inaugurazione: sabato 25 gennaio, ore 21.00

orari durante il weekend di ART CITY Segnala 2020:
venerdì 24 gennaio ore 10.00-16.00
sabato 25 gennaio ore 18.00-24.00
domenica 26 gennaio ore 10.00-18.00
Negli altri giorni le opere saranno visibili nei consueti orari di apertura del museo
Ingresso libero

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/01/20 17:28:33 GMT+1 ultima modifica 2020-01-20T17:28:33+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina