FREUD E I SUOI SCRITTORI: ZWEIG, SCHNITZLER, SVEVO, KAFKA

Dal 2 giugno saranno disponibili sui nostri canali social cinque viaggi letterari a cura de: Il Ruggiero, di Emanuela Marcante e Daniele Tonini, con il contributo di Caterina Quareni, MEB. I video-appuntamenti saranno sempre disponibili a partire dalle date indicate nel calendario.

3_inv_Rubrica_DEF.JPG

Un percorso che parte dalla figura e dagli scritti di Sigmund Freud per indagare, anche attraverso l’influenza più o meno diretta che ebbe sugli scrittori contemporanei dell’impero asburgico, sulle inquietudini di un’epoca prossima al declino e alla doppia catastrofe delle due guerre mondiali.

Gli scrittori in gioco sono Stefan Zweig, Arthur Schnitzler, Italo Svevo, Franz Kafka, ebrei come Freud e come gran parte dei protagonisti di quel mondo intellettuale “mitteleuropeo” che faceva idealmente perno su Vienna.

Ognuno di loro, con la propria storia, la propria scrittura, il proprio destino, ha suggellato un patto speciale con il padre della psicoanalisi: in un continuo spostamento di confini tra la “razionalità” della ricerca freudiana e la “razionalità” della scrittura letteraria, in un intrecciarsi di fila tra osservazione, auto-osservazione e immaginazione, si colloca il dialogo profondo (e certo non senza conflitti) tra Freud e i “suoi scrittori”.

A partire dal “corrispondente” di una vita, Stefan Zweig, proseguendo con il suo “doppio”, Arthur Schnitzler, e quindi incontrando la “coscienza” di Italo Svevo e il fervido mondo psicoanalitico triestino, per chiudere con Franz Kafka, il più giovane e “resistente” alla psicoanalisi freudiana - “ma essa esiste come esiste questa generazione” scriverà comunque a Max Brod nel 1922 - che avrà complesse interazioni con temi psicoanalitici e fortemente ebraici in tutta la sua opera.

In cinque brevi puntate, ci affacceremo sulle profondità oceaniche della psiche, costantemente scandagliate dalla ricerca dell'uomo di scienza e dalla creatività dall'artista, e su un mondo letterario, simbolicamente rappresentato da quattro scrittori, notissimi ma sempre da riaprire, per vedere da vicino come la “malattia” della distruzione e dell'autodistruzione, la malattia di generazioni diverse dalle nostre - ma che con noi mantengono una linea continua -  ritorni nell'esperienza di tutti e nella nostra storia.

Per ricordare che la repressione della coscienza di sé e della libertà, la mancanza di coraggio nel guardare (con gli occhi dell'analisi, della scienza, della poesia) ai nostri “mostri”, ne crei e ne liberi sempre di più spaventosi.

Puntata 1 - Sigmund FREUD

Puntata 2 - Stefan ZWEIG

Puntata 3 - Arthur SCHNITZLER

Puntata 4 - Italo SVEVO

Puntata 5 - Franz KAFKA

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/05/28 17:14:00 GMT+1 ultima modifica 2020-07-02T11:37:27+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina