Yom Kippur

I dieci giorni che seguono ROSH HA-SHANÀ sono chiamati “giorni terribili” e sono caratterizzati da tutta una lunga serie di preghiere penitenziali volte a preparare l’animo al sopraggiungere di YOM KIPPUR, o GIORNO DELL’ESPIAZIONE.
Secondo la codificazione rabbinica, il Giorno di Kippur è proibito mangiare, bere, avere rapporti intimi, lavarsi, ungersi e calzare scarpe di cuoio. Il digiuno completo dal mangiare e dal bere va da tramonto a tramonto per la durata complessiva di 25 ore. La liturgia di questa solennità si snoda per ben 5 servizi sinagogali, cosicché l’ebreo passa in preghiera gran parte della giornata. La sera inizia con la preghiera per sciogliere i voti e i giuramenti (KOL NEDARIM) compiuti inconsapevolmente o in modo avventato nel corso dell’anno, ma prima di chiedere perdono a Dio, bisogna essere in pace con il prossimo, per cui è importante riparare ai torti fatti e perdonare coloro che si sono comportati male con noi. L’ultima funzione della giornata (NE’ILA) viene conclusa dal suono dello shofar.
In questo momento termina il digiuno e ci si può di nuovo sedere a tavola, in un clima gioioso e riconciliato.

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/08/21 17:05:09 GMT+2 ultima modifica 2012-08-21T19:05:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina