Strumenti personali
Tu sei qui: Home / News / La mostra "Another country. Momenti di vita di ebrei in diaspora" a Casale Monferrato

Giusti tra le nazioni

5xmille1

museo di qualita 

MEB - Museo Ebraico di Bologna

via Valdonica 1/5
40126 Bologna
Italy
Tel. +39 051.2911280
Fax +39 051.235430
email: info@museoebraicobo.it

 

La mostra "Another country. Momenti di vita di ebrei in diaspora" a Casale Monferrato

La mostra progettata dalla Fondazione Museo Ebraico Bologna, in collaborazione con Beit Hatfutsot di Tel Aviv-The Museum of Jewish People, si trasferisce a Casale Monferrato. Con il proposito di offrire al pubblico un’idea immediata di quello che ha rappresentato nel passato e rappresenta ancora oggi l’ebraismo in diaspora, attraverso due serie fotografiche permette di conoscere le pratiche, gli usi e i costumi relativi all’abbigliamento e alle cerimonie nuziali degli ebrei in diaspora. Inaugurazione DOMENICA 1° LUGLIO - ore 11.00 - Sala Carmi. Dal 1° luglio al 2 settembre 2018

Another Country Casale 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Another Country Casale 2018 - 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Moked - Il portale dell'ebraismo italiano

“Diversi ma uguali”. Elio Carmi, vicepresidente della Comunità Ebraica di Casale, riassume così la storia raccontata da “Another Country”, la mostra inaugurata ieri nella Sala Carmi del complesso di vicolo Salomone Olper. Il sottotitolo “Momenti di vita di Ebrei in diaspora” forse è riduttivo della storia raccontata in questi grandi pannelli, oggi raccolti in sala Carmi, ma arrivati fin qui da un altro museo ebraico, quello di Bologna, per un’esposizione nata dalla collaborazione con “Beit Hatfusot – The Museum of Jewish People”. È un’analisi di come alcuni momenti topici della vita ebraica siano vissuti da un’identità culturale a cui la diaspora ha imposto un confronto con tutto il resto del mondo e gli eventi storici hanno ulteriormente rimescolato.
Si parla soprattutto di matrimonio: le immagini mostrano giovani sposi ungheresi prima di essere spazzati via dalla Shoah, ragazze ebree del Corno d’Africa o del Marocco di oggi e di ieri, matrimoni con particolari esotici. Eppure sono tutti rigorosamente matrimoni ebraici con la loro simbologia: il baldacchino, il bicchiere, il contratto nuziale, come spiega Carmi, ma ciascuna trasportata nelle singole realtà di ogni paese. Diversi ma uguali, appunto.
Tra le caratteristiche apprezzabili della mostra sono le didascalie: non si limitano a descrivere genericamente le situazioni, raccontano, fanno nomi e cognomi, rendono la storia quello che dovrebbe essere per ciascuno di noi: una parte della nostra vita contemporanea.
La mostra sarà aperta fino il 2 settembre quando sarà ospite in vicolo Salomone Olper anche di Vincenza Maugeri, direttore del Museo Ebraico di Bologna. Quella data segnerà anche la ripresa dell’attività culturale della Comunità ebraica casalese.

Alberto Angelino
(Articolo del 2 luglio 2018)

 

Another Country Casale 2018 foto1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Another Country Casale 2018 foto2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Another Country Casale 2018 foto3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Another Country Casale 2018 foto4

 

Another Country Casale 2018 foto5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Another Country Casale 2018 foto6

Azioni sul documento