Strumenti personali
Tu sei qui: Home / eventi e mostre / archivio 2006 / Giuseppe Levi e le radici culturali del Centro Euromediterraneo per la Genetica e la Medicina di Ronzano

Giusti tra le nazioni

5xmille1

museo di qualita 

MEB - Museo Ebraico di Bologna

via Valdonica 1/5
40126 Bologna
Italy
Tel. +39 051.2911280
Fax +39 051.235430
email: info@museoebraicobo.it

 

Giuseppe Levi e le radici culturali del Centro Euromediterraneo per la Genetica e la Medicina di Ronzano

archiviato sotto:

Dettagli dell'evento

Quando

31/01/2006
dalle 17:00 alle 19:40

Dove

Aula Magna di Santa Lucia Via Castiglione 36 Bologna

Aggiungi l'evento al calendario

Giuseppe Levi e le radici culturali del Centro Euromediterraneo per la Genetica e la Medicina di Ronzano

Tavola rotonda

Bologna, martedì 31 gennaio 2006, ore 17.00
Aula Magna di Santa Lucia
Via Castiglione 36

A Bologna presso l'Eremo di Ronzano sta nascendo il Giuseppe Levi and Victor A. Mc Kusick Euro Mediterranean Center for Genetics and Medicine, che ha lo scopo di favorire la diffusione delle conoscenze scientifiche finalizzate alla cura e alla prevenzione delle malattie genetiche nonchè la discussione fra specialisti e grande pubblico sulle problematiche etiche, legali e sociali della ricerca genetica contemporanea

 

Moderatori: Emilio CamposGiovanni Romeo

Emilio Campos, Professore di Malattie dell'Apparato Visivo, Alma Mater Studiorum
Presidente della Fondazione Museo Ebraico di Bologna
Saluto di benvenuto

Rita Levi Montalcini - Premio Nobel per la Medicina
Il mio maestro Giuseppe Levi

Giovanni Romeo, Professore di Genetica Medica, Alma Mater Studiorum
Presidente della European Genetics Foundation
La ricerca biomedica italiana fra le due guerre vista attraverso la figura di Giuseppe Levi

L. Luca Cavalli Sforza, Professor of Genetics - Stanford University (USA)
L'eredità culturale di Giuseppe Levi e della sua scuola

Lucio Luzzatto, Professore di Ematologia, Università di Genova
Direttore dell'Istituto Toscano dei Tumori, Firenze
Dall'istologia alla biologia cellulare e alla genetica in memoria di Giuseppe Levi

Joel Zlotogora, Professor of Community Genetics, Sheba Medical Center, Ramat Gan Ministry of Health, Public Health Services
Genetic diseases among Jews: Community Genetics and the meaning of the "Giuseppe Levi and Victor A. Mc Kusick Euro Mediterranean Center for Genetics and Medicine" (con traduzione consecutiva)

Seguirà discussione

Giuseppe Levi nacque nel 1872 a Trieste da una famiglia di banchieri. Cominciò i suoi studi universitari nel 1889 a Firenze dove, qualche anno più tardi, studiò Patologia Generale e Batteriologia sotto la guida del microbiologo italiano Alexander Lustig. Durante il periodo universitario, si laureò nel 1895, Levi iniziò a pubblicare i suoi primi lavori sperimentali: collaborando con Gino Galeotti, allievo di Lustig e suo caro amico, si occupò della rigenerazione delle fibre muscolari e nervose, un argomento cui avrebbe dedicato la maggior parte della sua carriera. Dopo aver trascorso un anno a Berlino per lavorare con l'embriologo Oskar Hertwig, Levi ritornò a Firenze. Nel 1910 fu chiamato a insegnare presso l'Università di Sassari e nel 1915 presso l'Università di Palermo. 

Fu ufficiale medico sul Carso nella Prima Guerra Mondiale. Nel 1919 gli fu offerta la cattedra e la direzione dell'Istituto di Anatomia presso l'Università di Torino. Qui Levi formò molti allievi, tre dei quali - Salvador Luria, Renato Dulbecco e Rita Levi-Montalcini - sarebbero stati insigniti del premio Nobel. 

La sua personalità ed il suo antifascismo rimangono indimenticabili per la descrizione fattane dai molti dei suoi allievi nelle loro autobiografie e dalla figlia Natalia Ginzburg in Lessico Famigliare. Quando Mussolini richiese che i professori universitari giurassero fedeltà al regime, Levi si trovò davanti a un grave dilemma. Ma l'amore per la ricerca e per i suoi studenti si rivelarono più forti e prevalsero sulle sue convinzioni politiche. 

Nel 1938 Levi, dichiarato "indesiderabile e pericoloso", fu costretto a trasferirsi all'Università di Liegi, dove poté rimanere fino a quando il Belgio fu occupato dai tedeschi. Ritornato in patria, egli cominciò a studiare i gangli nervosi degli embrioni di pollo nel laboratorio clandestino allestito in casa propria dalla Montalcini, che si nascondeva come lui dai nazisti. Dopo la Guerra, Levi fu invitato a riprendere il suo posto all'Università di Torino, mentre la Levi-Montalcini e Dulbecco seguirono l'esempio di Luria e partirono per gli Stati Uniti. 
Giuseppe Levi si ritirò dall'insegnamento universitario nel 1948 dopo aver pubblicato più di 200 monografie, articoli, e libri. Egli continuò ad assistere nella ricerca studenti e collaboratori per ancora un decennio. Morì nel 1965.

Azioni sul documento

archiviato sotto: