Strumenti personali
Tu sei qui: Home / eventi e mostre / archivio 2006 / Donne ebree in Italia. Immagini di vita tra Ottocento e Novecento

Giusti tra le nazioni

5xmille1

museo di qualita 

MEB - Museo Ebraico di Bologna

via Valdonica 1/5
40126 Bologna
Italy
Tel. +39 051.2911280
Fax +39 051.235430
email: info@museoebraicobo.it

 

Donne ebree in Italia. Immagini di vita tra Ottocento e Novecento

archiviato sotto:

Dettagli dell'evento

Quando

dal 20/03/2006 alle 17:30
al 23/03/2006 alle 19:30

Aggiungi l'evento al calendario

Donne ebree in Italia. Immagini di vita tra Ottocento e Novecento


Giovedì 9 marzo, ore 17.30 
Inaugurazione della mostra 

 

In collaborazione con Fondazione CDEC di Milano 
A cura di Marina Falco, Paola Mortara, Matilde Terracina 

9 marzo - 23 marzo 2006

La mostra presenta una scelta di immagini di donne ebree in Italia, tratte dall'Archivio di documentazione fotografica della Fondazione CDEC di Milano. Donne diverse per estrazione e per cultura, ma tutte appartenenti a una radice ebraica comune. Ne emerge una figura femminile depositaria e trasmettitrice del patrimonio identitario ebraico, ma anche elemento dialettico tra appartenenza alla cultura di una minoranza e assimilazione alla cultura della maggioranza. 

La mostra presenta una scelta di fotografie, che vanno dalla fine dell'Ottocento alla prima metà del Novecento e rappresentano una rara testimonianza di fotografie d'epoca presenti nell'Archivio di documentazione fotografica della Fondazione CDEC di Milano, di donne ebree in Italia diverse per estrazione e per cultura, ma tutte appartenenti ad una radice ebraica comune. Viene rappresentata la donna ebrea sia come depositaria e trasmettitrice del patrimonio identitario ebraico, sia come elemento dialettico tra appartenenza alla cultura di una minoranza e assimilazione alla cultura della maggioranza. 

Ne risulta un quadro dalle molte sfumature che, senza la pretesa di essere completo, costituisce un contributo alla conoscenza del variegato e ricco mondo ebraico femminile italiano. L'esposizione si articola lungo due filoni principali: ambito privato, con immagini di vita familiare, riguardanti riti religiosi, riunioni di famiglia e momenti di svago; ambito pubblico, in cui trovano spazio fotografie di donne attive nel campo della cultura e dell'educazione, dell'impegno sociale e della militanza politica, dell'associazionismo (ebraico e non) e dell'emancipazionismo femminile, delle professioni e del mondo del lavoro in generale. Una sezione specifica è dedicata alle donne vittime della persecuzione nazista e fascista.

La donna ebrea e la vita privata



La casa, per antica tradizione, costituisce il fulcro della famiglia ebraica. Anche dopo la conclusione del processo di Emancipazione e la chiusura dei ghetti, vi si trascorre la maggior parte del tempo. E' il luogo dove si conservano le tradizioni, ci si occupa della cucina, ci si dedica all'educazione dei figli, vi avvengono gli incontri sociali e i momenti di svago, vi si svolge spesso l'attività lavorativa della famiglia. La donna in questo contesto costituisce un valore fondamentale che deriva da una cultura matriarcale, risalente alle grandi figure bibliche femminili. 
La donna ebrea nel Novecento continua ad esercitare, talvolta con coscienza, talvolta solo per consuetudine, la conservazione e la trasmissione dell'identità ebraica. Questo ruolo, pur assediato dal processo di secolarizzazione generale che investe anche la società ebraica, viene mantenuto nel tempo, trasfigurandosi spesso in forme puramente simboliche. Mantenere l'uso di certe ricette di cucina, annoverare libri ebraici nelle biblioteche famigliari, conservare la presenza di simboli e oggetti di rito nelle case, è pur sempre un segno labile ma riconoscibile, del permanere di una identità ebraica. 

La vita femminile ebraica fino a metà Ottocento, negli anni dell'Emancipazione, si svolge tra le mura domestiche, spesso a loro volta chiuse tra le mura del ghetto. Come il padre e il marito, però, la donna ebrea aspira a vivere finalmente a pieno titolo nella società che la circonda. Minoranza nella minoranza, conosce il problema dell'emarginazione e si inebria di un sogno di fratellanza universale che la porta talvolta verso l'assimilazione. Emerge una nuova figura di benefattrice, di donna impegnata nell'attività sociale e nella difesa dei diritti, di sostenitrice del suffragio universale, di militante politica. Conduce le sue battaglie con gli strumenti che le sono noti: il ricamo come mezzo per insegnare un mestiere alle giovani più misere, il lavoro per affrancarsi dallo sfruttamento e tutelare le lavoratrici, l'educazione come strumento di miglioramento e di crescita. Linfa vitale per la crescita femminile è stato il contributo delle ebree straniere che hanno saputo inserirsi nel nostro paese senza perdere la propria peculiarità culturale. Ma in questa galleria di immagini, di volti in cui ognuno può riconoscere se stesso, la propria madre o la propria nonna, emerge il contributo delle tante donne che semplicemente con la loro esistenza e il loro agire hanno permesso la sopravvivenza dell'ebraismo. 

La mostra vuole far risaltare, in particolare, la figura e il valore di alcune donne:

  • Marianna Mortara, madre di Edgardo, il bambino bolognese che nel 1858 fu prelevato nottetempo dalle guardie pontificie e trasferito a Roma nella casa dei Catecumeni per la conversione al Cristianesimo;
  • Laura Orvieto, scrittrice, studiosa, autrice;
  • Paola Lombroso, figlia maggiore dello scienziato Cesare Lombroso, che si occupò di psicologia infantile;
  • Berta Bernstein, ispiratrice e fondatrice dell'ADEI;
  • Sisa Carmi Belimbau, ispettrice degli asili israelitici di Livorno;
  • Nina Rignano Sullam (Milano 1871 -Varese 1945) fondatrice dell'Unione Femminile Nazionale;
  • Rita Montagnana, impegnata nel movimento operario, poi moglie di Togliatti, fondatrice dell'Unione Donne Italiane.

Azioni sul documento

archiviato sotto: